Map it
Share our Website with your Friends in del.icio.usShare our Website with your Friends in digg.comShare our Website with your Friends in facebook.comShare our Website with your Friends in blinklist.comShare our Website with your Friends in technorati.comShare our Website with your Friends in stumbleupon.comShare our Website with your Friends in google.comShare our Website with your Friends in LinkedIn Send a friendAdd to favoritesPrint
Paleros - Aitoloakarnania 300 12 Greece.
Tel.: +30 26430 41110 -1, Fax: +30 26430 41441
E-mail::info@thalassaspahotel.gr
Prenotazioni on-line
Data
Mese
Anno
Notti
Camere
Adulti
Bambini
Con il Νuovo sito si può vedere con una sola ricerca più conveniente ed economica oltre 8 giorni prima e dopo la data desiderata del vostro soggiorno!
spa
tripAdvisor
Località
map

Le antiche città

La lunghezza più significativi della regione è la città di antica Paleros: Sono le rovine di Kechropoulas nel sud-est della penisola, su una piccola collina. Informazioni sulla città si trova in: E. Kirsten, "Palairos", RE XVIII, 2455 KP, 2488 KP e Philippson-Kirsten, Griechischen Landschaften, 2. Das Westlice Mittelgriechenland , 1956, 381, 561, 563, 582, 585, 601, 610, 614, 635, 637). Il territorio del Paleros antichi inclusa la piana costiera di Zaverdas (Zaverda, come abbiamo detto, è il nome medievale del Paleros attuale, che è ampiamente utilizzato oggi) e corse a nord fino alla limothalassa piccolo, ora si chiama Voulkaria e al tempo di Strabone (1RD secolo aC) Myrtountion. A ovest sono le colline del pendio, che domina la punta superiore di San Lia (= S. Elia), sul quale sono i resti di antiche costruzioni, probabilmente il santuario. Ad est e confina con l'area comunicazione della akarnanikis città antica ToryveiaCome il centro del quale era presente in Livadi, vale a dire l'altopiano al di sopra del villaggio moderno di Monastiraki.

Il Paleros esisteva dal periodo miceneo. Prova di ciò sono le mura, parte dei quali appartiene al 2nd millennio aC La costruzione delle mura si alternano tra trapezioschima e sistema poligonale. Sembra che le parti del muro costruito in tempi diversi. La parte più antica risale al periodo miceneo. Il porto di Paleros antica era in atto oggi Pogoni, nella penisola del sud-est, dove hanno trovato i resti di strutture portuali ad est del villaggio. Il Paleros continua ad apparire come una grande città, nel classico, il metaklasiki e romana fino alla battaglia di Azio del 31 aC

Dopo il 31 aC perse le tracce di Paleros antichi e storici attribuiscono questo alla fondazione di Nicopoli da Ottaviano dopo la sua vittoria nella battaglia di Azio. La fondazione di Nicopoli nel 30 aC è un evento importante per la distribuzione delle popolazioni e delle economie in tutto il continente: le città vicine stanno perdendo una parte importante della loro forza lavoro, con conseguente, a sua volta nel nuovo perioikides città Metropolis. Così è la territorioum Acarnania, cioè interni, questa città nuova. Al posto del Paleros attuale in epoca bizantina fino al nome della città Zaverda, un nome che è ampiamente utilizzato oggi al posto del Paleros ufficiale.

Nel bel mezzo della penisola di posizione di pendio Sterna, La vetta più alta della montagna, omento vecchio insediamento del pendio, a un'altitudine di 500 metri, era una fortezza, con area visiva in tutte le direzioni geografiche. Nettamente distinte le fondamenta del muro grande e forte e conservato in buone condizioni, una parte molto piccola del nord-ovest. Ci sono inoltre altri edifici e rovine. Il forte fu costruito probabilmente in metà secolo, 5 e K. romana identica a quella antica Sollion, Una colonia di Corinto (K. romana, "Across Akarnanian" Archeologiche Bollettino del, V. 4, 1918, p. 114). Roman seguito al parere espresso dal signor L. HEUZEY (Le Mont Olympe et l ' Acarnanie, 1860,  Sig. E. p. 397). Ma ci sono diversi punti di vista sulla fortezza della Sterna: altro luogo in questa città antica con una forza enorme. Tale considerazione è giustificata dalla posizione, che è la fortezza, da cui si può avere il controllo su una vasta area geografica e la dimensione del forte.

Il Sollion akarnaniki era una piccola città nella penisola del pendio, che era una stazione navale dei Corinzi. I pochi e solo una prova scritta dall'antichità classica di esso, da Tucidide: il primo anno della guerra del Peloponneso occupato la flotta ateniese e dà il Palero alleate il 428 aC il pareplefsen Il generale ateniese Demostene lasciando la sottomissione ditta di Lefkada, e 421 con il "Nikieio pace non viene restituito ai Corinzi. Per l'ubicazione di pareri del ricercatori 'diverse. In C. Romano, come già accennato, è collocato nella cisterna. La tesi sostenuta dalla HEUZEY (ogni cosa. am) E Oberhummer (E. Oberhhummer, Akarnanien, Amprakia, Amphilochien, Leukas IM Alterum , 1887, p. 30 Sig. E.). La Kirsten (für Neue Jarbrucher Antike, 1940, p. 303 Mr. E., RE 18, 2 (1942), f. 2466, RE 18, 2 Nachttrage (1949), f. 2485) pone la posizione in Broken Fountain piana di Zavedas o sulla cittadina di Pogoni sul lato occidentale del Golfo di Paleros. In calvizie N. (calvizie N., "Sollion" A Archeologico pratico e storico Congresso Karnataka, Agrinio 1988, p. 221-227), la posizione di questa città situata sul lato ovest della collina, dove il forte di San Giorgio volo a vela, in cui la W. Dorpeld (l'opera classica Alt Ithaka, Munchen, 1927), pone la città di Nirikos di età classica. Dorpeld Questo ci dice che aveva visto i resti dei primi 20th secolo, ma quando tornò nella regione dopo la fine della prima guerra mondiale, non visibile ormai quasi nulla. E oggi, il visitatore non distingue nulla.

Il Toryveia sono stati una piccola città che era probabilmente il luogo Lykoniko, un luogo fortificato per natura e fortificato con mura, i resti del quale sono state individuate dalla Leake e Heusey. Il Lykoniko situato tra il moderno villaggio di Monastiraki e dai plateau Monastiraki superiore, chiamato Livadi. Livadi era il centro del paese Toryveias (G. A. Ioannidis, Storia di Acarnania dai tempi più antichi fino al tempo di Cristo, Ch Ch, p. 91-92, a cura di Papazizi Faraklas e Nicholas, "Le città di Akarnanias antiche e dei loro territori, Ariadne T.8 (1998), p. 86).